P. Bruno Moriconi, ocd

 



P. Arnaldo Pigna, ocd

 



P. Giovanni Ballini, ocd

 




GABRIELE MORRA, Una fede, un amore. Teresa Margherita del Cuore di Gesù. Edizioni OCD, Roma 2011, pp.190. € 13.

 

La vita di Anna Maria Redi (1747-1770), in religione suor Teresa Margherita del Cuore di Gesù, si interrompe a ventitré anni, e tuttavia è sufficientemente densa da lasciare una luminosa eredità spirituale. Ricevuta un’educazione fortemente improntata alla devozione al Sacro Cuore di Gesù, entrata nel Carmelo, trova le occasioni concrete ove esercitare la sua delicata carità. Con uno spirito di abnegazione e sensibilità fuori dal comune, si pone amorevolmente al servizio delle consorelle ammalate. Praticando per questa via il meraviglioso dono ricevuto - la fede teologale, che è appunto fede in stato di esercizio - cresce in quanto a “unione con Dio” fino al totale abbandono.

 In queste pagine è illustrato un modello di santità assolutamente concreto, a testimonianza di come la fede, prima ancora di essere un semplice atto circostanziato ed occasionale, è uno stato di vita, un “abito” che però non riveste, ma costituisce la creatura nell’ intimo.

 

 



 

Lodevole che un sacerdote, religioso carmelitano scalzo, P. Asraf Filib Gabra Beshay, nato a il Cairo nel 1966, dottore in Teologia spirituale nella nostra facoltà del “Teresianum” di Roma, si sia fatto portavoce della condizione della donna in Egitto dove la Chiesa cattolica copta convive con la maggioranza musulmana. L’autore con questo saggio ha fatto propria l’esclamazione di S. Teresa d’Avila della quale nel 2015 celebreremo il V° centenario della nascita: “Signore, quando peregrinavi quaggiù non aborrivi le donne, anzi le favorivi con benevolenza e in loro trovavi tanto amore e maggior fede che negli uomini! O mio Re, dovrà pur venire il giorno in cui tutti vengano riconosciuti solo per quello che valgono!”.

 

            Alla luce di questa esclamazione il saggio di P. Elias è un contributo apologetico per riconoscere alla donna nella Chiesa e nella società, anche in seguito al magistero di P. Francesco, quello che è e quello che vale (Cfr Ultima di copertina). Il testo pubblicato dall’Ancora, Milano 2014, in belle veste tipografica, reca come sottotitolo esplicativo la proposta di “un dialogo tra la Chiesa copta e la realtà arabo-musulmana” per offrire, sulla base espositiva delle abbondanti fonti bibliche e coraniche, un percorso propositivo di riflessione sul rapporto problematico tra la chiesa cristiano-cattolica e le donne per rispondere alle domande emergenti dal contesto (Conclusione, p. 235) e per giungere così ad affermazioni molto incisive sulla “mistica femminile e certe intuizioni tipiche del genio della donna almeno controllate e ridotte entro limiti più facilmente contenibili” (p. 236), con le differenze tra cristianesimo e islamismo a proposito e in merito. E la conclusione perentoria: “Uomini e donne debbono però sforzarsi di testimoniare la loro fede nell’Altissimo, anche con la giustezza delle loro relazioni, condannando la violenza e la strumentalizzazione della donna” (p.244). Infine, oltre alla Presentazione di Cettina Militello, uno sguardo all’indice per rendersi conto della complessità entro la quale si muove la ricerca in tre grandi solchi: la donna nella tradizione cristiana, la donna nella Chiesa egiziana, la donna in Egitto.

                                                                                           P. Ennio Laudazi


 

ESPERIENZA DI DIO

in Teresa di Gesù e Giovanni della Croce

 

Collana: Il lembo del mantello

 

ISBN: 9788872296042

 

Anno di Stampa: 2014

 

Edizione:

Tipo Copertina: plastificata lucida

Numero Pagine:152

 

L’esperienza di Dio che il mistico è portato a trasmettere non è esibizionismo, ma uscita da sé per «essere-con». Teresa di Gesù e Giovanni della Croce mistagoghi, attraverso l’attestazione e il discernimento della loro esperienza, aiutano il lettore di queste pagine ad ascoltare la propria personale esperienza per trasformarla in fonte e progetto di vita.

Autore: Maximiliano Herráiz, sacerdote carmelitano, professore in Teologia, è tra i migliori esperti della spiritualità teresiana, fondatore e primo direttore del Centro Internacional Teresiano-Sanjuanista in Avila.

Traduzione dallo spagnolo a cura di Angela Parisi ocds.

                      

                                                                                   visualizza la SCHEDA


 

P. Onorio Di Ruzza OCD

 

SINTESI STORICO-CRONOLOGICA

DELLA PROVINCIA ROMANA

DEI PADRI CARMELITANI SCALZI

 

Edizioni OCD 1987

 

P. Onorio Di Ruzza OCD

 

VITA DEL CARMELO

TERESIANO ROMANO

 

2012



 

Ennio Laudazi

 

LA CRISALIDE

Un itinerario poetico

 

2013


 

Stanislao Raponi

 

 

L'UOMO NERO

 

Tip. SPED.IM 2013


 

Maria Concetta Bomba OCDS

 

DUE CUORI INNAMORATI 

IN CRISTO

 

Edizioni OCD 2006

 

 

Sintetica ricostruzione del cammino umano e di fede dei coniugi Lelia Cossidente e Ulisse Amendolagine.


 

Laura Isotton OCDS

 

GIOVANNI

IL CALAGORRITANO 

Storia di un carmelitano scalzo

 

coll. Presenze Vive

 

Edizioni OCD 2010


Basilio Visca OCD (a cura di)

UN UOMO PER OGNI TEMPO

Vita del Venerabile Padre Giovanni di Gesù Maria 

capostipite del Carmelo Riformato d’Italia

(Traduzione dal latino: Gianfranco Isotton OCDS)

Edizioni OCD 2010

 

Traduzione della prima biografia del Venerabile Giovanni di Gesù Maria (1564-1615), unitamente alla versione originale in latino del P. Isidoro di S. Giuseppe (1648).  

 


 

 

P. Ferdinando Puttini ocd

 

LA PROVINCIA TOSCANA DEI CARMELITANI SCALZI

 

Firenze 2011

 

 

 

 

 

" ...le vicende spesso tortuose che hanno accompagnato la fondazione dei Conventi della Provincia Toscana ...

 

 

 

 



JOSEPH HEIMPEL, Il rapporto tra la persona e la comunità cristiana nella visione di Edith Stein, Edizioni OCD, Roma 2005, pp. 552. € 9.50.

 

Cos'è l'uomo? Questa domanda fondamentale dell'antropologia di tutti i tempi guida anche Edith Stein nei suoi numerosi studi negli ambiti della fenomenologia, della pedagogia, dell'antropologia cristiana e della spiritualità. Edith Stein (1891-1942), ebrea tedesca, convertitasi alla fede cattolica, poi entrata nel Monastero delle Carmelitane Scalze di Colonia, ha dato la sua vita in offerta d'amore, olocausto, per la riconciliazione e la salvezza del popolo ebreo e del popolo tedesco, nonché per la pace in tutto il mondo. Già la sua vita e il suo martirio, nel lager di sterminio ad Auschwitz, è una eloquentissima risposta alla domanda antropologica: l'uomo è un cercatore di Dio, è un pellegrino, che parte dal mondo con tutti i suoi limiti e le sue oscurità, per giungere a quella vita, che non ha più né limiti, né oscurità. E lo è come persona e come comunità. Leggendo e scoprendo in Cristo la verità essenziale sull'uomo, Edith Stein sviluppa una visione cristiana sull'uomo, rilevando il senso ultimo dell'esistenza umana e la via per realizzare questo senso.


 

 

HAI DESIDERIO DI LEGGERE

QUALCHE BUON LIBRO A UN PREZZO GIUSTO?

 

leggi qui