S. MARIA del MONTE CARMELO

 

Via Monte Carmelo, 85

65132 Pescara PE

  

tel. 085 4540977




S. ELISABETTA TRA NOI!

CARMELO DI PESCARA, 25/10/2018

 

 

Nei giorni 24 e 25 ottobre viviamo uno speciale evento di grazia nel nostro monastero: finalmente giunge la reliquia di S. Elisabetta della Trinità, pellegrina in Italia in questi ultimi due mesi dell’anno. A questa visita ci siamo preparate intensamente organizzando incontri per far conoscere il più possibile questa nostra sorella, canonizzata due anni fa da Papa Francesco, convinte e animate dalla certezza che lei ha un messaggio forte per tutti gli uomini, soprattutto in questi nostri tempi segnati dal secolarismo. Segue ….


 

Monastero S. Maria del Monte Carmelo di PESCARA

 

20 luglio 2016


  

Monastero S. Maria del Monte Carmelo di PESCARA

Assemblea della CERNA

 

04 Aprile 2016



 

 

IL V CENTENARIO A TANGERI

Da sr. Stefania e sr.  Giulia sorelle carmelitane scalze in aiuto al monastero di Tangheri in Marocco

 

Con lo stile di semplicità che caratterizza questa missione di Tangeri, anche noi stiamo celebrando il V Centenario della nascita di Santa Teresa di Gesù.

Tre sono stati, finora, i momenti salienti di questa celebrazione: il 14 febbraio, in cui abbiamo avuto la gioia e la grazia di avere tra noi, per una conferenza su Santa Teresa, Padre Emilio J. Martínez, Vicario Generale; il 26 marzo, giorno dell’Orazione per la pace e il 28 marzo, il compleanno della Santa Madre

 

Visualizza/stampa la lettera

 


 

DALLE CARMELITANE SCALZE DI PESCARA

In aiuto da 3 anni al monastero di Tangheri in Marocco

 

“Quando il mondo cristiano e il mondo musulmano assumono il volto di persone amiche che giorno dopo giorno hanno imparato a stimarsi e ad amarsi, la pace è assicurata, perché si sono dissolti gli spettri della sfiducia, della paura, della rivalità. Nell’incontro quotidiano, nel Mistero della Visitazione – di cui era particolarmente devoto Charles de Foucauld – è dove si costruisce la pace”.

Padre Saverio Cannistrá

Visualizza/stampa articolo

 

 

 

 

 

 

 



La comunità delle carmelitane scalze di Pescara è il prolungamento della più antica comunità di S. Egidio, sorta a Roma nel XVII secolo, tra i primi Carmeli d'Italia.

L'origine del monastero di S. Egidio risale al 7 marzo 1601, quando alcune donne, per lo più vedove, sotto la direzione del Padre Pietro della Madre di Dio, si riuniscono a fare vita comune in una casetta presso Santa Maria della Scala.

 Nel 1810, in seguito alla soppressione napoleonica dei monasteri e dei conventi, le monache abbandonano il monastero requisito e si ritirano in Via Giulia, sempre a Roma. Alla morte di Napoleone, passato il pericolo, rientrano nel proprio monastero.

Nel luglio 1972 le monache si trasferiscono a Pescara, seguite, alla fine di agosto, dall'intera comunità.

L'inaugurazione è avvenuta il 1 Ottobre 1972, alla presenza di numerose autorità religiose e civili.

Nella comunità pescarese, ci sono sorelle che ricamano, altre che dipingono, altre ancora che lavorano la ceramica...

Se non è occupata in attività esterne (ruota, sacrestia, cucina...), la carmelitana resta nella sua cella a lavorare. Il silenzio favorisce questo clima d'intimità e la carmelitana vive alla presenza del Signore.

Nelle due ore quotidiane di ricreazione, la carmelitana gode della presenza delle sorelle.

Vita di preghiera e di fraternità: questi, dunque, i poli entro i quali si svolge la vita carmelitana.

Attualmente il Carmelo di Pescara è frequentato da numerosi gruppi che si fermano anche per tutta la giornata a pregare; in queste circostanze, hanno la possibilità di parlare con la Priora o con qualche altra monaca per trovare le risposte ai numerosi interrogativi che nascono dall'incontro con una comunità claustrale.

 

Anche i Sacerdoti trovano nel monastero un'oasi di pace, un refrigerio spirituale. Spesso, religiose o laici chiedono di trascorrere alcune giornate di "deserto"; viene offerta loro la possibilità, pur stando in foresteria - nei locali, cioé, destinati all'alloggio degli ospiti - di partecipare alla preghiera comune.