S. TERESA DI GESU'

 

Via delle Carmelitane, 21

57128 Montenero (LI)

 

tel/fax: 0586 580141





Monastero di S. Teresa  di Gesù- Montenero (LI) 

 27 Gennaio 2019

 

Suor Anna della Madre di Dio di anni 64 del Carmelo di Montenero, Livorno, nella festa del patrocinio della Madonna di Montenero a causa di un infarto ci ha lasciati questa notte per il Carmelo Celeste. Chiediamo fraternamente suffragi per la sua anima. 

 

La Madre e le sorelle di Montenero, Livorno

 

 

 

Siamo vicini con la preghiera.

 

 


L’apertura del V° Centenario di S.Teresa di Gesù

 Monastero di MONTENERO 


Abbiamo festeggiato la S. Madre Teresa nel Vo centenario della sua nascita con due celebrazioni:

 

Il 15 ottobre a livello diocesano. Il Vescovo Simone Giusti ha presieduto una solenne Concelebrazione Eucaristica. Numerosi i fedeli presenti amici del Carmelo tra cui le Religiose di vari Istituti e membri dei movimenti Ecclesiali presenti in Diocesi. Nel corso dell'omelia Mons. Giusti ha presentato la S. Madre Teresa come maestra di vita e di preghiera, fonte di pace nella famiglia e nella società.

 

Il 19 ottobre abbiamo celebrato l'apertura del Vo centenario Teresiano con una solenne Celebrazione Eucaristica presieduta da P. Graziano Sbrolli, priore di S.Torpè', Pisa. Alla Celebrazione, particolarmente dedicata alla famiglia Carmelitana, hanno partecipato anche la Comunità di



Antignano delle Suore di Santa Teresa di Firenze e tutti i membri della Fraternità O.C.D.S. di Livorno e di Pisa. P. Graziano nel corso dell'omelia ha magistralmente presentato la figura della S. Madre Teresa, percorrendo le tappe della sua vita in cui emerge l' iniziativa di Dio che l'ha chiamata a vivere la comunione con Lui realizzata in Cristo. Comunione con Cristo che fa scoprire la tenerezza di Dio, comunione con Cristo che non evade dalla storia e che, nel fuoco dello Spirito Santo la fa maestra di orazione e Dottore della Chiesa. Al termine della celebrazione, prima della benedizione finale tutti i presenti hanno recitato con rinnovato fervore la preghiera del centenario facendo propria l'espressione della S. Madre Teresa :


Sono vostra Signore, per Voi sono nata, che cosa volete che io compia?


Amen.


Visualizza/stampa articolo










 

clicca sulle immagini per la slide-show

 

Il Carmelo di Antignano è uno dei primi Carmeli italiani. Fu fondato a Roma il 23 aprile 1627 dalla nobildonna Caterina Cesi duchessa di Acquasparta, prima Madre Priora della Comunità col nome di Madre Caterina di Cristo, e fu dedicato a S. Teresa di Gesù. Era situato sulla strada che dal Quirinale conduce a Porta Pia, vicino a quattro fontane, per cui si chiamò "Monastero S. Teresa alle quattro fontane".

 

Dopo vari trasferimenti e persecuzioni nel periodo napoleonico e durante i moti risorgimentali, le Carmelitane di S. Teresa nel 1887 presero in affitto un'abitazione di proprietà del Collegio Germanico/ungarico, presso la basilica di S. Stefano Rotondo sul Celio. E qui restarono fino al 1938 quando, su invito provvidenziale del Vescovo di Livorno Mons. Giovanni Piccioni, si trasferirono ad Antignano su un colle della periferia di Livorno, indicato alla Priora di allora, Madre Celina M. del Cuore di Gesù, da S. Teresa di Gesù Bambino col segno di una rosa trovata, fresca e rugiadosa, nel campo che con due consorelle stava percorrendo in cerca del terreno su cui costruire il nuovo monastero. Così il Carmelo di S. Teresa, trasportato in terra 

 

livornese e inaugurato con la Celebrazione eucaristica dal Padre Generale dell'Ordine. P. Pier Tommaso della Vergine del Carmelo, il 24 agosto 1938 iniziò con diciannove religiose la sua vita di preghiera e di sacrificio.

Il 18 ottobre dello stesso anno Mons. Giovanni Piccioni, Vescovo di Livorno, benedisse la cappella del monastero e ne consacrò l'altare e il Padre Provinciale di Toscana P. Adeodato di S. Elia, pose la clausura. Le Carmelitane, con il cuore colmo di gioia, ringraziarono lo Sposo Gesù e continuarono il cammino della storia portando nel cuore la stessa fiamma, lo stesso ideale apostolico della S. Madre Teresa di Gesù.

 

Scoppiata la seconda guerra mondiale, il 10 giugno 1940 il monastero fu requisito dalle autorità militari italiane per essere utilizzato come osservatorio militare, le monache si adattarono in pochi locali pur di non abbandonare la casa, ma nel giugno 1944, essendo troppo frequenti le incursioni aeree, furono obbligate dai Superiori a sfollare, trovando ospitalità prima presso le Suore Teresiane a Calci (PI) nella Villa Borghini e poi nella Certosa..

 


 

Il monastero subì notevoli danni e i locali furono ridotti in condizioni pietose dalle truppe italiane, tedesche e inglesi che li avevano occupati. Così, quando il 24 maggio 1945 le religiose poterono tornare al monastero, dovettero dare mano ad una impegnativa opera di restauro.

Negli anni del dopoguerra la Comunità fu provata da una grande povertà, ma l'aiuto della Provvidenza non venne meno. Ci fu una richiesta di strumenti di penitenza 

 

da tutta Italia che impegnò le religiose a lavorare anche di notte.

Da quel lontano 24 agosto 1938 la Comunità si è rinnovata, tante sorelle sono passate in mezzo a noi lasciando il vivo ricordo e l'esempio della loro generosa dedizione a Dio e ai fratelli.

Dal colle di Antignano, il Carmelo S. Teresa continua a parlare silenziosamente di Dio, a indicarlo presente nel mondo, faro di luce e di pace per tanti cuori assetati.

 

 

Carmelo di Antignano ( LI )

 

 

 


SIAMO QUI